Una vita viva

autismo-18-300x223Un ragazzo di quindici anni si è suicidato a Roma, nel quartiere Pisana. Il ragazzo dopo una discussione con la propria fidanzatina, le ha mandato un sms dicendole che l’avrebbe fatta finita, ha salutato i genitori come se uscisse e si è lanciato nel vuoto mentre la ragazza correva a casa sua nel tentativo disperato di provare a fermarlo. 

Il giorno prima, un’altra giovane donna di sedici anni ha tentato il suicidio nella zona della Magliana. Dopo una lite con i genitori, si è chiusa nella sua stanza, ha aperto la finestra ed è saltata giù cercando di togliersi la vita, per fortuna senza riuscirci. Ora è in ospedale, dovrà essere operata, ma è fuori pericolo.

 

Una vita viva

Un suicidio. E un tentato suicidio.
Due giovani, 15 anni lui e 16 lei. Due quartieri diversi di Roma, due storie differenti accomunate da un gesto simile.
Di loro ignoriamo tutto. Non ne conosciamo i pensieri, le immagini, i sogni.
Non sappiamo nulla dei rapporti con i loro amici, con i propri familiari, con gli insegnanti.
Nulla.
È difficile comprendere.
Abbiamo, tuttavia, una certezza: quel salto nel vuoto non è, come alcuni articoli della stampa riportano, un gesto d’impeto, non origina in una discussione con la propria innamorata o in una semplice discussione in famiglia.
Ipotesi di tal fatta, se da una parte spaventano, dall’altra rassicurano perché negano.
Negano che esista un disagio che, talvolta già in giovane età, può aggravarsi.
Confrontarsi con questa realtà è doloroso ma va assolutamente fatto.
Intendiamoci: non stiamo certo sostenendo che ogni adolescente è a rischio.
Alcuni atteggiamenti (che conosciamo tutti, perché tutti siamo stati adolescenti anche se, per dirla con Saint-Exupery, pochi se ne ricordano) sono semplici folate di vento, che spettinano capelli e pensieri.
Ma, al contempo, non possiamo più accettare la banalizzazione in base alla quale un atto come quello di cui stiamo parlando si leghi a una litigata con la propria ragazza o coi genitori e venga etichettato come “inspiegabile” perché in precedenza non ci siano stati altri tentativi di suicidio.
Non è così.
Dobbiamo avere il coraggio di dire che il togliersi la vita o il cercare di farlo, non arriva mai come un imprevedibile passaggio di una nuvola: è l’apice di uno star male profondo e pregresso che, se preso per tempo, può essere curato.
Perché ci si possa così riappropriare di una vita viva.
Permetteteci allora il lusso di due speranze.
Speriamo che la sedicenne che si è salvata da quel terribile salto intraprenda un percorso terapeutico: perché per quanto possa essere lungo, difficile e faticoso, sarà la possibilità di un futuro che solo ieri non c’era più.
E speriamo che quella giovane donna, che è corsa a perdifiato verso la casa del proprio innamorato, comprenda che non era davvero nelle sue possibilità salvarlo da ciò che quel povero ragazzo provava dentro e che lo ha condotto ad un gesto così disperato. Nonostante questo ha tentato: solo così, il peso che oggi ha nel cuore potrà col tempo alleggerirsi.

E’ a loro due che dedichiamo questa poesia di Robert Frost.

LA STRADA CHE NON PRESI
Due strade divergevano in un bosco giallo 
e mi dispiaceva non poterle percorrere entrambe 
ed essendo un solo viaggiatore, rimasi a lungo 
a guardarne una fino a che potei.
Poi presi l’altra, perché era altrettanto bella,
 e aveva forse l’aspetto migliore, 
perché era erbosa e meno consumata,
 sebbene il passaggio le avesse rese quasi simili.
Ed entrambe quella mattina erano lì uguali, 
con foglie che nessun passo aveva annerito.
Oh, misi da parte la prima per un altro giorno!
 Pur sapendo come una strada porti ad un’altra,
dubitavo se mai sarei tornato indietro.
Lo racconterò con un sospiro 
da qualche parte tra anni e anni:
 due strade divergevano in un bosco, e io -
io presi la meno percorsa, 
e quello ha fatto tutta la differenza.
Robert Frost

 

 

 

 

 

 

 

 

Commenta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...